Endodonzia

“Cos’è l’endodonzia?”

L’endodonzia è la branca dell’odontoiatria che risolve l’infiammazione del tessuto pulpare.
Il tessuto pulpare è la parte vitale del dente caratterizzato dalla presenza di nervi e vasi.

“Perché avviene l’infiammazione?”

Le cause possono essere:

  • A seguito di carie
  • Per iperstimolazione chimica
  • Per iperstimolazione termica
  • Per iperstimolazione fisica

“Causa dolore?”

Il più delle volte si presenta con dolore che può essere solo un leggero tedio o arrivare a un dolore molto importante che non ti fa dormire. In questo caso è possibile che la pulpite sia complicata dalla presenza di un ascesso dentale.
Può anche essere asintomatica e rendersi evidente solo quando un’indagine radiografica evidenzia la presenza di un granuloma apicale.

“Come si cura?”

In tutti i casi la terapia consiste nell’asportare il tessuto pulpare, disinfettare il lume ove tale tessuto risiedeva e otturare lo spazio che occupava.
Tale procedura è comunemente conosciuta come “devitalizzazione, cura canalare, terapia endodontica”.
Spesso è necessario associare alla cura ambulatoriale anche una terapia antibiotica domiciliare.

“Quali sono i benefici relativi alla terapia?”

La conservazione del dente e l’eliminazione dell’infezione e di conseguenza la risoluzione dell’infiammazione e del dolore derivante dalla patologia dentale.

“Ci sono dei rischi?”

I rischi sono relativi a:

  • inevitabile impiego di anestetico locale, con o senza vasocostrittore al quale soggetti allergici, affetti da patologie renali, cardiache o endocriniche, stato di gravidanza possono risultare particolarmente sensibili
  • possibilità di ferite accidentali sulle mucose causati dagli strumenti manuali o meccanici (es piccole abrasioni o tagli)
  • eventualità di ingestione accidentale di fresette o particolari minuti (seguono il normale transito intestinale)
  • possibile frattura di strumenti endodontici all’interno del canale radicolare

“Quali sono i possibili effetti collaterali?”

  • è possibile che il paziente senta il permanere, per un tempo più o meno lungo di sensibilità dentale
  • in terapia canalare è possibile avvertire temporaneamente sintomi spiacevoli, quali ad esempio dolore, sensazione di allungamento/mobilità del dente
  • in rari casi si può sviluppare una batteriemia, che si risolve immediatamente con l’assunzione di antibiotico

I denti devitalizzati sono più fragili del normale perché erano già compromessi dalla carie e perché l’assenza della vascolarizzazione determina un mancato nutrimento del dente stesso.
A seguito della devitalizzazione è consigliato ricoprire il dente con una corona protesica, per aumentarne la resistenza nel tempo.

“Cosa fare dopo l’intervento?”

Nei giorni seguenti il trattamento è opportuno che il paziente

  • eviti di ingerire sostanze troppo calde o troppo fredde, nonché alimenti solidi e liquidi idonei ad alterare il colore dell’otturazione (caffè, coca cola, etc…).
  • l’igiene orale, come sempre, dovrà essere scrupolosa.

Dopo una qualsiasi cura odontoiatrica il dente non è protetto “a vita” da altre carie, poiché smalto e dentina originali continuano ad essere esposti a tutti gli agenti patogeni e non che risiedono nel cavo orale. È quindi indispensabile sottoporsi a periodiche sedute di igiene orale ambulatoriale che, oltre a verificare l’assenza di nuove patologie, controlleranno stabilità ed efficacia delle sigillature ottenute con le otturazioni.

Contattaci senza impegno






    Confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 (GDPR).

    Ambulatorio dove disponibile

    Nessun risultato trovato.

    Ambulatori